Museo Knoblauchhaus Chiuso

Stadtmuseum Berlin

Mostra sulla mappa
Außenansicht Knoblauchhaus bei Nacht © Stadtmuseum Berlin. Foto: Michael Setzpfandt © Stadtmuseum Berlin. Foto: Michael Setzpfandt

Nel 1759 Johann Christian Knoblauch, un maestro nell'antico mestiere della lavorazione del filo metallico, fece costruire nel Nikolaiviertel un palazzo ad angolo di tre piani in stile tardo-barocco. Più tardi, nel 1798, suo figlio Carl Friedrich aprì a piano terra un negozio di stoffe, biancheria e seta. Oggi questo palazzo è considerato una delle poche abitazioni borghesi ancora conservate dell'epoca di fine '800. In occasione della ricostruzione del Nikolaiviertel per le celebrazioni dei 750 anni della città di Berlino, la Knoblauchhaus fu restaurata secondo i criteri di conservazione del patrimonio architettonico e nel 1989, con il sostegno dei discendenti della famiglia Knoblauch, venne trasformata in un museo e successivamente (nel 1995) entrò a far parte del Museo civico di Berlino (Stadtmuseum Berlin).
All'interno della Knoblauchhaus prende forma e vita il Biedermeier berlinese: le stanze un tempo adibite ad abitazione e a negozio, sono state fedelmente ricostruite e arredate con i mobili, i dipinti, le porcellane, le fotografie, le lettere e i libri contabili dell'epoca, consentendo al visitatore una completa immersione nella vita delle famiglie borghesi dell'epoca. Tra i propri discendenti la famiglia Knoblauch conta diversi assessori della città, tra i quali Eduard Knoblauch, che fece costruire la Neue Synagoge nella Oranienburger Straße, e Armand Knoblauch, fondatore del birrificio Böhmisches Brauhaus.

Museo Knoblauchhaus
Poststraße 23
10178 Berlin

Telefono
+49 (30) 240 02-162
Pagina web
www.stadtmuseum.de/knobl…
E-Mail
[javascript protected email address]
Social Network
Facebook, Instagram, Twitter
lunedì -domenica
Chiuso

bis auf weiteres geschlossen

Eintritt frei, Spenden erbeten

  • Parcheggio per persone con disabilità Parcheggio per persone con disabilità

Mehr zur Barrierefreiheit bei mobidat.net

Ultimi Tweet

Nach oben