main content start,

Giardini del museo di Berlino

Suggerimenti per i luoghi più belli della natura

Interno ed esterno, arte e natura: nel nostro articolo di servizio combiniamo le due cose e abbiamo raccolto per voi alcuni luoghi museali speciali in natura. Alcuni giardini sono liberamente accessibili, altri possono essere visitati insieme al museo e altri ancora fungono da spazio espositivo verde per l'arte.

(Stato: aprile 2024)

Italienischer Garten im Botanischen Garten Berlin
© BGBM / Foto: I. Haas
Italienischer Garten im Botanischen Garten Berlin © BGBM / Foto: I. Haas

Il mondo in un giardino

Giardino e museo botanico di Berlin

Dalle Alpi ai tropici, dal Giappone al Sud America: all'Orto Botanico di Berlino è possibile fare letteralmente il giro del mondo, e questa era esattamente l'idea del fondatore Adolf Engler oltre 100 anni fa. Con 15 serre, molti giardini tematici e 20.000 specie di piante diverse, l'Orto botanico di Berlino è uno dei più grandi e importanti al mondo. Il museo associato è attualmente chiuso, ma la natura è davvero l'esposizione principale.

Brücke Museum Berlin
©CeeCeeCreative2024
Brücke Museum Berlin

Arte in natura

Brücke-Museum

Il Brücke-Museum si trova ai margini della foresta di Grunewald - anche il viaggio per arrivarci sembra più un'escursione nella natura che una visita a un museo. E anche quando si entra nell'edificio Düttmann, la natura non è mai del tutto scomparsa, anzi: le finestre a tutta altezza offrono una vista sul paesaggio della foresta e le sale del museo sono raggruppate intorno a cortili interni verdi. Tutto ciò non è casuale, ovviamente, ma rientra nello spirito del gruppo di artisti, per i cui membri la natura era un luogo di lavoro altrettanto valido dello studio.

© Jüdisches Museum Berlin, Foto: Christine Sliwinski
Kinder spielen am Springbrunnen im Museumsgarten des Jüdischen Museums Berlin

Oasi verdi a Kreuzberg

Museo Ebraico di Berlino

Due giardini completano l'insieme dell'edificio Libeskind e del vecchio edificio. Offrono ai visitatori un luogo di relax e sono anche lo sfondo di vari eventi come feste di famiglia, concerti e letture. Nel giardino del museo, progettato da Kollhoff e Ovaska in modo rigorosamente geometrico, con un pergolato, un boschetto di platani e una fontana rotonda in granito rosso, un prato piantumato e sedie a sdraio invitano i visitatori a soffermarsi. Un'altra area giardino intorno all'edificio di Libeskind, progettata dai paesaggisti berlinesi Cornelia Müller, Elmar Knippschild e Jan Wehberg, riprende il linguaggio formale dell'architettura. Le strutture libere progettate da Daniel Libeskind, i “vuoti” o gli spazi vuoti all'interno dell'edificio, sono delimitati da aree ghiaiate. Intorno al Giardino dell'Esilio cresce un roseto, che ci ricorda che la rosa era una delle poche piante rituali della Gerusalemme storica. L'ingresso all'area del giardino è gratuito.

© Kunsthaus Dahlem, Fotograf: Gunter Lepkowski
© Kunsthaus Dahlem, Fotograf: Gunter Lepkowski

Giardino delle sculture

Kunsthaus Dahlem

La Kunsthaus Dahlem si trova nelle immediate vicinanze del Brücke-Museum e quindi anche del Grunewald. Un tempo sede dell'ex studio statale dello scultore Arno Breker, che nelle sue opere visualizzava l'ideologia nazionalsocialista, è oggi un centro espositivo del modernismo tedesco del dopoguerra. L'attenzione principale è rivolta all'arte scultorea, che si può ammirare anche nell'ampio giardino naturale. Il giardino, a sua volta, è collegato al giardino del Brücke-Museum.

Skulpturenpark, Haus am Waldsee, 2020
Harry Schnitger
Skulpturenpark, Haus am Waldsee

Arte in riva al lago

Haus am Waldsee

La Haus am Waldsee è circondata da alberi da favola tra Krumme Lanke e Schlachtensee. Costruita originariamente come villa privata in stile country house inglese, nel 1946 è diventata un luogo d'arte. Ancora oggi, la Haus am Waldsee presenta ogni anno arte contemporanea internazionale in cinque mostre personali o collettive. Anche qui non c'è arte senza natura: il giardino della casa, anch'esso in stile inglese, funge ora da parco di sculture. Il rapporto tra l'uomo e la natura viene analizzato con interventi artistici. Ogni secondo venerdì la casa è aperta fino alle 20.00 e nel giardino c'è una ciotola per il fuoco con le specialità del caffè che cambiano.

Blick auf die Frontseite der Liebermann-Villa am Wannsee, 2021
© sevens[+]maltry, Potsdam

Il giardino sulla tela

Villa Liebermann sul Wannsee

Nel 1909, Max Liebermann acquistò uno degli ultimi appezzamenti di terreno in riva al mare della colonia di ville Alsen sul Wannsee come rifugio per la sua famiglia. Il giardino divenne l'ispirazione per oltre 200 dipinti a olio e numerose opere su carta. Queste opere sono al centro della presentazione della mostra: sono i motivi che i visitatori possono trovare ancora oggi passeggiando nel giardino - terrazza fiorita, giardino perenne, sentiero di betulle o la vista sul lungo prato fino alle barche a vela. Il giardino anteriore - un orto modellato sui giardini delle fattorie della Germania del Nord - e il giardino sul lago - terrazzato e con vista sul Wannsee - sono stati ricostruiti fedelmente. A maggio, potrete scoprire di più sul giardino e sui progetti in corso durante due visite di beneficenza organizzate dal giardiniere.

Neue Nationalgalerie, Potsdamer Straße 50, Berlin-Tiergarten
© Staatliche Museen zu Berlin / David von Becker
Neue Nationalgalerie, Potsdamer Straße 50, Berlin-Tiergarten © Staatliche Museen zu Berlin / David von Becker

Arte in terrazza

Neue Nationalgalerie

Nel 1962, il Senato di Berlino commissionò all'architetto Ludwig Mies van der Rohe la costruzione di un museo per l'arte del XX secolo a Berlino. La collezione comprende pittura e scultura dal modernismo classico agli anni Sessanta. I giardini circostanti fungono da continuazione delle aree espositive, come il giardino delle sculture nel seminterrato, separato dall'esposizione solo da lastre di vetro e chiuso dall'altro lato, e la terrazza nella sala superiore. In estate si tengono concerti dal vivo tra natura e arte. Da maggio a settembre, inoltre, ogni quindici giorni si svolge lo “Yoga in giardino”.

Blick aufs große Atelier, 2016, Foto: Enric Duch
© Bildarchiv Georg Kolbe Museum

Il giardino delle sculture di Kolbe

Georg Kolbe Museum

Nel progettare il complesso residenziale e di studio di Georg Kolbe, l'architetto Ernst Rentsch ha risposto con sensibilità al paesaggio esistente. Ha deciso di costruire due edifici lungo un ex sentiero forestale fiancheggiato da alti pini. In questo modo ha preservato e coltivato lo spazio naturale esistente. Il risultato è stato un giardino di sculture per l'arte di Kolbe e un'area lounge privata per la sua famiglia, protetta dalla vista esterna e che funge da collegamento tra i due edifici dell'insieme. Ogni prima domenica di giugno e luglio, il tavolo da giardino sotto i pini del Georg Kolbe Museum invita i visitatori a creare all'aperto. Dal 26 maggio, nel giardino sarà esposta anche una nuova opera site-specific dell'artista franco-egiziana Hoda Tawol, incentrata sull'interfaccia tra natura e cultura.

Museum Europäischer Kulturen, Arnimallee 25, Berlin-Dahlem
© Staatliche Museen zu Berlin / David von Becker
Museum Europäischer Kulturen, Arnimallee 25, Berlin-Dahlem © Staatliche Museen zu Berlin / David von Becker

Atelier all'aperto

Museum Europäischer Kulturen

Anche se di solito l'arte non viene esposta nel bellissimo giardino del Museum Europäischer Kulturen, questa oasi verde funge anche da atelier all'aperto per i laboratori che accompagnano le mostre o da palcoscenico per la Fête de la Musique nei mesi estivi. Ma si può anche semplicemente rilassarsi qui senza un'occasione e godersi la pace e la tranquillità della città prima o dopo aver visitato una mostra.

Dorfansicht Museumsdorf Düppel
© Stadtmuseum Berlin | Foto: Robert Bußler

Visitare il Medioevo

Villaggio-museo di Düppel

Negli anni '60, in quella che oggi è la riserva naturale di Krummen Fenn, sono stati scavati i resti di un villaggio del XII secolo. Nel sito storico, nel quartiere berlinese di Nikolassee (Steglitz-Zehlendorf), è stato poi creato il villaggio-museo di Düppel, con case, magazzini e botteghe ricostruite. Il museo utilizza la “storia vivente” per insegnare ad adulti e bambini la vita, il paesaggio e la cultura rurale nel Medioevo. In particolare, il giardino del museo merita una visita in qualsiasi periodo dell'anno. Qui si trovano le piante che venivano piantate nel Medioevo e alcune delle quali sono ancora oggi utilizzate nella medicina naturale.

Museum Neukölln, 2019
© Friedhelm Hoffmann
Museum Neukölln, 2019

Un maniero in campagna

Museum Neukölln

Il Museum Neukölln offre un'introduzione vivace e interattiva al passato e al presente del quartiere di Neukölln e tratta vari aspetti della cultura e della storia del quartiere. Il museo è ospitato in un'idilliaca casa padronale e si trova nelle immediate vicinanze del pittoresco Parco del Castello di Britz. I prati verdi con pecore, capre, cavalli e oche, le aiuole fiorite e gli alberi ombrosi invitano gli abitanti e i visitatori a rilassarsi e a godere della bellezza della natura.

Pablo Castagnola

Giardino del Pollinator Pathmaker

Museum für Naturkunde Berlin

Dal giugno 2023, Pollinator Pathmaker - un'opera d'arte vivente dell'artista Alexandra Daisy Ginsberg - invita i visitatori del piazzale del museo a guardare il mondo dalla prospettiva degli insetti impollinatori, le cui popolazioni sono diminuite drasticamente negli ultimi 40 anni. La base delle opere d'arte di Ginsberg per i giardini che rispettano gli impollinatori è un programma di piantumazione appositamente sviluppato e basato su un algoritmo, liberamente accessibile sul sito web pollinator.art. Il programma di piantumazione utilizza un elenco di piante idonee a livello locale per creare piani di piantumazione individuali che supportano il maggior numero possibile di specie impollinatrici, contribuendo così alla loro protezione.

Blick auf Museumspark des Deutschen Technikmuseums
Foto: SDTB / Henning Hattendorf
Blick von oben auf ein Gebäudeensemble aus Backstein, umgeben von grünen Bäumen. Hinter den Gebäuden stehen ein Wasserturm und ein Schornstein.

Un parco museale pieno di tecnologia

Museo Tedesco della Tecnica

Il parco di dodici ettari del Museo Tedesco della Tecnologia è qualcosa di speciale: qui i visitatori non troveranno solo lo storico birrificio, i mulini a vento funzionanti e la ruota idraulica della fucina, ma anche tanta natura e luoghi per soffermarsi, imparare e rilassarsi. Un'oasi verde nel centro di Berlino.

Zois Fotis

Il Lustgarten

Altes Museum

Il Lustgarten si trova al centro dell'Isola dei Musei, tra l'Altes Museum, il Duomo di Berlino e il Forum Humboldt, e un tempo faceva parte del Palazzo di Berlino. È una delle piazze più storiche della città ed è stata ristrutturata più volte nel corso degli anni. Oggi è ornata da due viali di tigli e da un'imponente vasca di granito rosso. In estate, i prati e la fontana al centro del giardino invitano a rilassarsi dopo una lunga visita al museo.

Politica sui cookie

Utilizziamo i cookie per offrirvi un' esperienza ottimale del sito web. Facendo clic su "Accetta tutto" si acconsente a quanto sopra. In "Rifiuta o personalizza" è possibile modificare le impostazioni o rifiutarne l'elaborazione. È possibile accedere nuovamente alle impostazioni dei cookie in qualsiasi momento nel piè di pagina. 
Protezione dati | Impressum

Politica sui cookie

Utilizziamo i cookie per offrirvi un' esperienza ottimale del sito web. Facendo clic su "Accetta tutto" si acconsente a quanto sopra. In "Rifiuta o personalizza" è possibile modificare le impostazioni o rifiutarne l'elaborazione. È possibile accedere nuovamente alle impostazioni dei cookie in qualsiasi momento nel piè di pagina. 
Protezione dati | Impressum